Gli amici sono il faro nella malattia: la rubrica di Diego Murari Gli amici sono il faro nella malattia: la rubrica di Diego Murari
Nella sua rubrica, oggi Diego Murari, ex portiere nel Venezia, parla del valore degli amici come antidoto alla malattia Ci sono dei giorni nei... Gli amici sono il faro nella malattia: la rubrica di Diego Murari

Nella sua rubrica, oggi Diego Murari, ex portiere nel Venezia, parla del valore degli amici come antidoto alla malattia

Gli amici sono il faro nella malattia: la rubrica di Diego Murari

Ci sono dei giorni nei quali il sole sembra non voler sorgere mai. Ci sono giorni nei quali, quando apro gli occhi, vedo solo nero davanti a me, cerco disperatamente luce e calore ma non trovo nulla. Per fortuna ci sono gli amici, un faro nella malattia.

Di giorni come questi, purtroppo, chi soffre ne vive tanti e sono giorni ancora più neri quando la malattia ti inchioda al letto. Quando il tuo stesso corpo non riesce a reagire e a sostenersi. Sono giorni, questi, nei quali sei costretto a cercare il sole nell’unico posto dove sai che si nasconde: dentro di te.

In questi giorni il cuore si trasforma.

Non è più soltanto la macchina che ti fa andare avanti ma diventa lo scrigno del sole, diventa il prezioso rifugio dalla disperazione, l’appiglio necessario per cominciare a risalire. Inchiodato dal dolore al tuo letto, apri il cuore. Bastano un paio di lacrime che ti velano gli occhi e d’un tratto non sei più lì.

Ci sono colori e profumi che ti investono e ti abbracciano, ci sono sensazioni che ti travolgono e ti trasformano. Ci sono sogni che incredibilmente si trasformano in strette di mano, in abbracci e sorrisi.

Gli amici, il mio faro

Mi succede sempre, quando sono costretto a restare a lungo in ospedale, quando il dolore sembra far esplodere il mio corpo. Mi succede sempre e mi piace, mi consola, mi esalta anche. Perché i miei sogni mi portano sempre in mezzo agli amici dello sport, ai campioni dello sport e della vita, ai sorrisi di ragazzi e ragazze che con la loro fatica regalano felicità, entusiasmo e vita.

Ah, che batticuore ogni volta che mi vedo lì con voi, numeri uno della vita, pronto ad affrontare una nuova avventura, una nuova tappa in questa corsa che vorrei non finisse mai. E quando chiudo gli occhi e sono con voi, mi piace pensare di portare con me i tanti piccoli amici con i quali condivido dolori e lacrime. Quei piccoli amici che anche voi amate – lo so – e che nessuno di noi vuol dimenticare.

No, non c’è spiegazione alla sofferenza, ma allo stesso tempo non c’è limite alla speranza, alla volontà, al desiderio di farcela e di conquistare, giorno dopo giorno, la vittoria più importante: la vita.

La sofferenza in secondo piano

Insieme a voi, campioni del sorriso, i miei piccoli amici ed io pedaliamo e non ci importa della fatica. Non ci importa del sudore, non ci importa delle lacrime che ci solcano il viso. Non ci importa perché voi riuscite a darci forza, a darci coraggio, a darci un sorriso. Basta un vostro messaggio, una vostra parola, un vostro sorriso e finalmente quel sole che sembrava non voler sorgere più si alza nel cielo e quel buio che ci avvolgeva si spacca e scompare.

Grazie ragazzi, ve lo dico con il cuore gonfio di lacrime e di emozioni, di profumo e di sorrisi, di voglia di vivere e di gioia.

Grazie, lettori

Consentitemi ora di parlare direttamente a voi, amici di tuttoBICI che leggete queste parole. E che sin dal primo numero mi avete accolto con un affetto incredibile e mi avete subito fatto sentire come uno di voi. Chiedo scusa al direttore se abuso di questo spazio, ma voglio ringraziarvi proprio per questo, per come mi avete accolto, per come mi avete subito fatto sentire uno di voi.

Il vostro affetto, il vostro amore, la vostra amicizia sono per me preziosi come raggi di sole, mi portano aria buona, profumi colorati e mi regalano la vita. Credetemi, ragazzi, non vi è nessuna esagerazione nelle mie parole. Ogni volta che mi arriva un messaggio da voi, ogni volta che leggo una vostra email, ogni volta che accade io ritrovo il sorriso, lo stesso che mi regala l’abbraccio dei campioni che mi onorano della loro amicizia.

Cari amici miei: non dimenticate mai, vi prego, che un vostro piccolo gesto può regalare a me, a noi, un colore, un sorriso, un profumo e la speranza di poter condividere il bene più importante e prezioso che abbiamo: la vita.

Per contattare Diego Murari

www.unico1.it – info@unico1.it – 339.1082481

TuttoBici

TuttoBici

tuttoBICI è un mensile dedicato al ciclismo agonistico. Nato nel 1995, dal 2014 ha operato la scelta digitale. In libreria il 1° di ogni mese, dedica spazio a campioni e storie di tutte le categorie, dagli Esordienti ai Prof, raccontate da firme d’eccellenza

Read previous post:
Team Fratelli Giorgi: tempo di bilanci (e autocritica) per il 2011

Il 2011 del Team Fratelli Giorgi non è stato un anno da ricordare. Ma, spiega patron Carlo Giorgi «siamo pronti...

Close