In Borsa non servono previsioni. Per raggiungere i propri obiettivi di crescita, occorre pianificare e diversificare gli investimenti

a cura dell’Ufficio Marketing di AcomeA

Cosa farà la Borsa questo mese? Quale sarà il titolo da comprare per quest’anno? Quale il mercato che “tirerà” di più? Nei mercati finanziari, la tentazione di indovinare come sarà la strada innanzi a noi, è molto forte. Ogni giorno analisti, esperti e guru finanziari si cimentano nel “gioco” delle previsioni. Per soddisfare i tuoi obiettivi finanziari devi pianificare e diversificare gli investimenti.

Non esistono previsioni sui mercati finanziari

Purtroppo in finanza non esistono GPS o mappe capaci di rispondere a queste domande; prevedere il futuro è impossibile.

E d’altronde, i risultati delle previsioni sui mercati sono spesso casuali, come il lancio di una moneta. Gestire così il proprio portafoglio finanziario quindi, non solo è inutile, ma può portare a risultati che sono all’esatto opposto di quelli desiderati.

Fortunatamente, per acquisire la giusta consapevolezza che ci può aiutare nel gestire con successo il risparmio, non è necessario cimentarsi nelle arti divinatorie.

Economia e ciclismo: conta il metodo

Il ciclista alle prese con un nuovo percorso che non conosce, sa che dovrà dosare e misurare le forze. Spingere troppo in salita e non gestire opportunamente la frenata in discesa, potrebbe costargli caro.

Quando non si può consultare la mappa del percorso, i dislivelli, le altimetrie, il tipo di terreno, quello che conta non è riuscire a prevedere cosa c’è dietro l’angolo. Ma avere un metodo e una disciplina che consenta di arrivare in fondo al traguardo, possibilmente per primo.

Per quanto riguarda l’impiego corretto del risparmio in Borsa quindi, cosa si può fare? Abbiamo parlato di metodo e disciplina. Pianificare il futuro, anziché prevederlo. Serve acquisire concetti chiave di buon senso e non complicati, per tagliare il traguardo dei propri obiettivi finanziari. Vediamoli in dettaglio.

1) sapere dove si vuole arrivare

Siamo in sella alla nostra bicicletta; ne manteniamo il controllo, grazie alla pedalata, i rapporti, i freni. Possiamo scegliere se aumentare o diminuire la velocità. Abbiamo il pieno controllo della situazione, nel senso che abbiamo la consapevolezza di cosa fare per condurre il mezzo nel miglior modo possibile.

Ciò deve essere vero anche quando siamo in sella al nostro portafoglio finanziario. Per quale motivo ho risparmiato del denaro e adesso lo voglio investire? Rispondere con chiarezza e sincerità a questa domanda, significa partire con le ruote gonfie e le gambe agili. E andare lontano.

2) capire il ruolo svolto dall’emotività

In borsa le emozioni possono costare care. Ogni giorno siamo bombardati da notizie provenienti dal mondo della finanza, a volte euforiche, a volte tragiche. Immancabilmente i mercati finanziari si muovono giorno per giorno anche sulla scia dell’emotività: un pendolo che oscilla tra poli estremi, fatti di avidità e panico. Se si è capaci di ignorare il mercato quando fa offerte a lui vantaggiose e di approfittarne quando quota prezzi da favola, si è afferrato il concetto.

3) capire la differenza tra investire e scommettere

In borsa, come nella vita economica di tutti i giorni, non si può pedalare veloce, senza sudare. Non è realistico aspettarsi possibilità di guadagno superiori a quelli offerti dalle attività meno rischiose, senza sottoporre il proprio investimento a un rischio maggiore. Un concetto banale, è vero; ma quante volte dimenticato o offuscato dai richiami dei facili guadagni! Non si scommette, si investe. Chi ha ben chiaro questo concetto, non da i propri risparmi ai vari stregoni della finanza tipo Madoff, né a New York, né ai Parioli.

4) diversificare gli investimenti

Diversificare gli investimenti vuol dire dividere il proprio investimento su più mercati e con tempistiche differenti. Come in bicicletta, non tutti i terreni richiedono lo stesso passo; gli imprevedibili “mangia e bevi” del ciclo economico possono “chiamare” un rapporto adatto per essere affrontati nel migliore dei modi. E soprattutto, è meglio non provare a fare il Giro di Italia in una tappa sola.

5) sviluppare un atteggiamento indipendente

E farlo senza correre dietro alle mode del momento o cercare a tutti i costi di tenere il passo di chi sta davanti.

Una volta impostato opportunamente, un piano di investimento, deve essere seguito e applicato, anche in presenza di risultati che nel breve periodo possono sembrare negativi.

Il metodo di allenamento deve essere seguito con costanza.

Perché l’atleta per mantenere la forma e migliorarla, non può allenarsi solo quando la temperatura è gradevole e c’è il sole.

Molte delle cose dette fin qui, hanno in fondo un unico obiettivo: essere padroni del proprio destino e avere la libertà di prendere le decisioni di Borsa senza dipendere dagli altri o dagli imprevisti della vita.

Come acquisire il controllo totale dei propri investimenti? Continuate a seguirci su Financial Bike e scriveteci per suggerimenti e consigli.