Fabio Taborre: “Dedico a Chiara la mia prima vittoria” Fabio Taborre: “Dedico a Chiara la mia prima vittoria”
Fabio Taborre ha conquistato il podio del Gp Camaiore: la sua prima vittoria è per la sorella Chiara, recentemente scomparsa. In questa intervista conosciamo... Fabio Taborre: “Dedico a Chiara la mia prima vittoria”

Fabio Taborre ha conquistato il podio del Gp Camaiore: la sua prima vittoria è per la sorella Chiara, recentemente scomparsa. In questa intervista conosciamo il giovane ciclista abruzzese

di Daniele Gigli

fabio taborre intervista gp camaiore

Dopo diversi piazzamenti e tante fughe non andate a buon fine Fabio Taborre finalmente ha firmato il primo acuto da prof vincendo il Gp di Camaiore. Ecco il suo ritratto con la nostra intervista “botta&risposta”.

Partiamo da lì: cos’hai provato?

«Tanta soddisfazione. Inseguivo da tempo la prima vittoria e dopo molti tentativi ce l’ho fatta».

Quando hai capito che poteva essere il giorno buono?

«Solo dopo aver tagliato la linea del traguardo. Sentivo di stare bene e nell’ultima salita ho tentato il tutto per tutto. Sono scattato nel punto più duro e quando mi hanno raggiunto Rebellin e Stortoni ho comunque creduto nelle mie possibilità. Stortoni ha allungato nel finale, ma l’ho superato di slancio e per fortuna è andata bene».

Vittoria con dedica speciale.

«La vittoria è stata tutta per mia sorella Chiara che è scomparsa due anni fa in un incidente stradale all’età di 18 anni. Avevo promesso a mio padre che la prima affermazione sarebbe stata per Chiara. Ogni volta che salgo in bici penso a lei».

Quanto è difficile far fronte ad una perdita così grave?

«Chi non ci è passato non se lo può immaginare perché il dolore è enorme e resta dentro per sempre. La morte di Chiara mi ha cambiato e mi ha messo di fronte ad una prova durissima. Ho imparato ad apprezzare le cose più belle della vita e la bici mi ha aiutato moltissimo».

Quali sono le tue doti tecniche?

«Sono un passista scalatore, ma me la cavo bene anche nelle volate ristrette. Penso di essere por tato per le gare in linea, ma in futuro vorrei essere competitivo anche nei grandi giri».

Come ti trovi nell’Acqua&Sapone?

«Benissimo perché intorno a me avverto tanta fiducia. Poi molti di noi sono abruzzesi ed il feeling è immediato».

Con chi vai più d’accordo?

«Con tutti, ma sono molto legato a Garzelli. Mi riempie di consigli e da lui ho imparato tanto».

E il futuro?

«Non so ancora con chi correrò nel 2012. Potrei rimanere qua o scegliere nuove strade».

Sei passato professionista con l’Androni. Come ti sei trovato?

«Ho corso per due anni e mezzo con il team di Savio e Bellini ed è stato un periodo fantastico. So no venuto via per star più vicino a casa, ma con loro ho conservato un rapporto favoloso. Dopo la vittoria di Camaiore, Savio e Bellini sono stati tra i primi a congratularsi con me».

La corsa dei tuoi sogni?

«Il Giro d’Italia sarebbe il massimo, ma la corsa che mi piace di più è la Tirreno-Adriatico. Quando ero all’Androni l’ho vista vincere a Scarponi che era mio compagno di camera. Mi ha fatto capire la bellezza di questa gara e penso sia un obiettivo alla mia portata».

Chi era il tuo idolo da ragazzo?

«Marco Pantani. Ha realizzato fantastiche imprese e ha trasmesso emozioni indimenticabili».

Ti ispiri a qualche corridore in particolare?

«Cerco di prendere qualcosa da tutti, ma voglio essere so lo me stesso».

Quali sono i tuoi obiettivi per il finale di stagione?

«Mi piacerebbe far bene al Giro del Piemonte e al Lombardia, ma lì la concorrenza sarà di altissimo livello».

La maglia azzurra è un sogno per il futuro o un obiettivo immediato?

«Bettini mi ha fatto i complimenti e ha detto di tenermi in considerazione per il Mondiale. Spero di far par te della nazionale già quest’anno, ma la maglia azzurra non è certamente un assillo».

Quando hai iniziato a pedalare?

«All’età di sette anni ho disputato le prime corse. Come premio per essere stato promosso a scuola mio padre mi regalò una mountain bike e mi portò da Masciarelli. Da allora non ho più smesso».

Sei professionista dal 2009. Qua li differenze hai riscontrato con le categorie giovanili?

«Le corse sono più lunghe, il ritmo è più alto e ci sono tanti campioni. All’inizio ho fatto fatica, ora penso di essere sulla strada giusta».

Chi ti ha aiutato nella tua crescita sportiva?

«Soprattutto Stefano Regolo. È grazie a lui che sono passato professionista».

Come sei fuori dal ciclismo?

«Sono un ragazzo tranquillo. Amo uscire a cena con gli amici, in inverno mi piace andare a ballare di tanto in tanto e sono molto legato alla fa mi glia. Abito a Montesilvano da so lo, ma nella stessa palazzina dei miei genitori Marco e Silvana».

Sei fidanzato?

«Sì. La mia ragazza si chiama Monia e stiamo insieme da 5 anni. La nostra è una storia bellissima e abbiamo già in progetto di iniziare a convivere».

Hai degli hobby particolari?

«Quando posso vado a pescare e sono appassionato di moto».

Il tuo piatto preferito?

«Adoro le lasagne e magari un bel bicchiere di vino rosso».

Hai un oggetto che porti sempre con te?

«Una collanina con la foto di Chiara. Non la tolgo mai e quando la tocco mi dà tanta forza».

TuttoBici

TuttoBici

tuttoBICI è un mensile dedicato al ciclismo agonistico. Nato nel 1995, dal 2014 ha operato la scelta digitale. In libreria il 1° di ogni mese, dedica spazio a campioni e storie di tutte le categorie, dagli Esordienti ai Prof, raccontate da firme d’eccellenza