Franco Cogo ha riunito due corse storiche (Astico-Brenta e Giro del Piave) per dar vita ad una corsa spettacolare. Ecco i vincitori del Giro del Veneto

di Mariangela Codenotti; foto Team Rodella 2000

Zalf Désirée Fior domina il Giro del Veneto: le tappe e i vincitori

Il fascino di certe corse e di certe strade rimane inalterato nel tempo, quasi non lo si potesse scalfire mai. Così l’idea di patron Franco Cogo di riunire due gare storiche come la Astico-Brenta ed il Giro del Piave in una prova a tappe dal nome altrettanto prestigioso – il 26° Giro del Veneto e delle Dolomiti Bellunesi -, ha permesso a tutto il mondo del ciclismo di tornare a respirare aria di montagna e di imprese sportive.

Il team composto da Schiavon e dal Pool Ciclistico Veneto ha messo in campo tutto il proprio entusiasmo nei tre giorni in cui un folto gruppo di atleti ha dato vita ad uno splendido spettacolo atletico. Ecco quindi le tappe e i vincitori.

Le tappe

Le squadre approdate al Giro del Veneto hanno veramente dato il meglio come era giusto che fosse in una gara di così alto livello. La prova quindi si è aperta con un prologo a cronometro vinto dall’azzurro Gianluca Leonardi della Marchiol Emisfero. La seconda tappa – la mitica Astico Brenta che ha 87 anni di storia – ha visto primeggiare sul traguardo di Rossano Veneto Enrico Barbin, ventunenne bergamasco della Trevigiani Dynamon.

Ma il vero capolavoro lo ha firmato la Zalf Désirée Fior, nella terza giornata di gara, valida come 69° Giro del Piave, rilanciato da un gruppo di amici e appassionati. Sull’erta finale in località Quantin, lungo una salita con strada stretta e ripida, Marco Canola, Enrico Battaglin e Nicola Boem (quest’ultimo azzurro a Copenaghen) hanno allungato il gruppo presentandosi tutti e tre a mani alzate sul traguardo. Primo Marco Canola che ha vinto il Giro del Veneto e festeggiato con la maglia rossa Saiv Tele comunicazioni sulle spalle.

Zalf Désirée Fior domina il Giro del Veneto: le tappe e i vincitori

Emozioni a fine gara

Emozionato, patron Franco Cogo ha chiosato: «Ringrazio l’amministrazione di Loria, quella di Rossano Veneto con il primo cittadino Trevisan e l’assessore allo sport Gastaldello, gli amici di Belluno, quelli di Santa Giustina per finire con quelli di Quantin. Anche grazie a loro abbiamo potuto trasformare in realtà questo progetto ed abbiamo oggi un bilancio di grande soddisfazione».

Entusiasti per il trionfo dei propri ragazzi la famiglia Lucchetta e il presidente Egidio Fior: «Vincere in casa è un successo che vale doppio. Luciano Rui aveva studiato la salita finale del Giro del Piave. E poi Canola, Battaglin e Boem sono stati perfetti ed abbiamo vinto un grande Giro del Veneto!».

Le tappe e i vincitori

Prologo: 1. Gianluca Leonardi (Marchiol Emisfero)

1tappa:  Enrico Barbin (Trevigiani Dynamon)

2tappa:  Marco Canola (Zalf Désirée Fior)

La classifica finale

1. Marco Canola (Zalf Désirée Fior) km 356,8 in 8.53’40”, media 40,099 kmh

2. Enrico Battaglin (Zalf Désirée Fior) a 9”

3. Nicola Boem (Zalf Désirée Fior) a 15”

4. Serghey Chernetskiy (Naz. Russia) a 16”

5. Ilnur Zakarin (Nazionale Russia) s.t.

6. Winner Anacona (Caparrini Le Village) a 20”

7. Gianluca Leonardi (Marchiol Emisfero) a 22”

8. Enrico Barbin (Trevigiani Dynamon) a 23”

9. Alfio Locatelli (Palazzago Elledent) a 26”

10. Andrea Tocco (Palazzago Elledent) a 31”

Le maglie

Rossa – Classifica generale Saiv Telecomunicazioni: Marco Canola (Zalf Désirée Fior)
Blu – Classifica a punti Essegi: Marco Canola (Zalf Désirée Fior)
Verde – Classifica GPM Mollificio Bordignon: Mattia Bedin (Generali Ballan)
Bianca – Classifica Giovani Wilier: Andrea Tocco (Palazzago Elledent)
Gialla – Classifica TV Safond-Martini: Marco Canola (Zalf Désirée Fior)