Maria Giulia Confalonieri conquista l’oro a Mosca nella corsa a punti Maria Giulia Confalonieri conquista l’oro a Mosca nella corsa a punti
Maria Giulia Confalonieri, 18 anni, ha trionfato agli juniores di Mosca: la campionessa mondiale della corsa a punti ama pedalare e girare il mondo... Maria Giulia Confalonieri conquista l’oro a Mosca nella corsa a punti

Maria Giulia Confalonieri, 18 anni, ha trionfato agli juniores di Mosca: la campionessa mondiale della corsa a punti ama pedalare e girare il mondo

Maria Giulia Confalonieri conquista l'oro a Mosca nella corsa a punti

La pista continua a regalare gioie al ciclismo italiano. Meglio ancora: la pista rosa continua a regalare successi. È accaduto anche in occasione dei campionati mondiali juniores che si sono disputati a fine agosto sul velodromo di Mosca, dove ha brillato la stella di Maria Giulia Confalonieri.

I risultati

In una rassegna che non ha riservato grandi risultati alla selezione azzurra, dalla quale era lecito attendersi di più soprattutto in campo maschile, l’Italia ha conquistato uno splendido oro nella corsa a punti donne con Maria Giulia Confalonieri. E poi un bronzo nell’inseguimento a squadre femminile con Beatrice Bartelloni, Confalonieri e Chiara Vannucci.

I giovani talenti azzurri, guidati dal CT Marco Villa (Nazionale Uomini) e dal CT Dino Salvoldi (Nazionale Donne) hanno comunque dimostrato di essere competitivi. Oltre ad essere un gruppo ben amalgamato ed in continua crescita dove risulta basilare il confronto internazionale come bagaglio di esperienza per un continuo miglioramento in chiave futura.

Maria Giulia Confalonieri: pedalare è la mia vita

La campionessa mondiale è brianzola di Seregno, ha 18 anni compiuti e studia al Liceo Scientifico Maiorana di Desio. Difende i colori della Fiorin Despar Guerciotti di Baruccana di Seveso a alterna strada e pista con eguale successo.

«L’estate è stata veramente molto impegnativa. Ci sono stati gli europei di strada e pista, poi i mondiali ancora su pista. E adesso mi aspettano i mondiali su strada di Copenhagen. Ma la bici è la mia vita, pedalare e faticare mi piace e in più questo sport mi ha permesso di girare il mondo. È presto per dire se potrà trasformarsi in un lavoro. Per ora è sacrificio e divertimento e questo a me basta. Se poi riesco a vincere, tanto meglio…».

TuttoBici

TuttoBici

tuttoBICI è un mensile dedicato al ciclismo agonistico. Nato nel 1995, dal 2014 ha operato la scelta digitale. In libreria il 1° di ogni mese, dedica spazio a campioni e storie di tutte le categorie, dagli Esordienti ai Prof, raccontate da firme d’eccellenza

Read previous post:
Agosto, il ciclismo piange Pavesi, De Zan e Marzorati

In questo caldissimo mese estivo, non dimentichiamo alcuni eventi tragici che hanno segnato il mondo del ciclismo: l'addio ad Attilio...

Close