Nelle ultime corse il Team Idea Fastweb è stato sempre in prima fila. «La nostra stagione – spiega Pier Gaffuri – prosegue all’insegna del lavoro»

foto Team Rodella 2000

Lo scatto del Team Idea Fastweb: parla il manager Pier Gaffuri

Vedere le maglie multicolori del Team Idea Fastweb Conad Body Spring nelle prime posizioni del gruppo e poi degli ordini d’arrivo è una piacevole consuetudine. Dall’inizio della stagione, infatti, gli uomini del team manager Pier Gaffuri sono là nelle prime posizioni, anche se poi le vittorie sono arrivate tutte da Ruslan Karimov, almeno fino al momento di andare in stampa.

L’analisi di Pier Gaffuri

«A qualcuno dei nostri atleti è mancato un pizzico di esperienza, altri si sono fatti prendere dalla smania di centrare il successo. Altri ancora stanno crescendo e spero che prima della conclusione di questa stagione ci possano regalare qualche bella soddisfazione – spiega il manager milanese. – L’importante, comunque, è che è i ragazzi siano sempre là a lottare, a fare la corsa, a rendere onore agli sponsor che portano sulle maglie.

Certo, Karimov è il nostro uomo di punta. Spero proprio che riesca a passare professionista perché è un corridore maturo e può fare molto bene nella massima categoria. Ma alle sue spalle stanno crescendo dei ragazzi molto interessanti. Penso ai nostri “primo anno” che ora possono dedicarsi pienamente all’attività agonistica. E penso anche ad Alberto Cornelio, un corridore che siamo riusciti a recuperare e che ha firmato buoni piazzamenti.

Consentitemi di mandare un pensiero e un abbraccio a Claudio Zanotti, il nostro ragazzo bresciano investito da un auto in allenamento e costretto in un letto di ospedale a causa delle molte fratture riportate. Ha avuto tanta sfortuna ma noi gli siamo vicini! Lo aspettiamo in bicicletta per la prossima stagione, certi che saprà riprendersi alla grande. D’altra parte Claudio è un corridore vero, non uno disposto a mollare… ».